29/10/12

Oro cash, televisione, e le popolazioni nomadi

Ospite l'altro giorno d'una amica, sono stata esposta involontariamente a questo spot nel momento in cui ella ha acceso la televisione (che io non possiedo più, cone somma gioia, da una decina d'anni) e l'ho trovato agghiacciante!
Renato Pozzetto pubblicizza qui una società che acquista oro pagandolo in contanti, contanti con i quali egli compra all'istante un maxischemo televisivo.
Ora: sono solo io che mi sento a disagio davanti a questo spot?

Perché per me rappresenta la negazione di diversi livelli di senso.

1) Intanto identifica la felicità con l'acquisto d'un bene che può rappresentarne una componente solo per una mente ottenebrata dall'ignoranza, dalla stupidità o dalla frustrazione: va da sé che se sto bene e sono felice di mio, di un televisore non me ne faccio nulla.

2) La televisione può essere uno strumento di informazione e intrattenimento e/o informazione solo se usata in modo critico e consapevole, altrimenti è al pari di qualsiasi altra droga - ma ditemi voi, onestamente, quanti ne fanno un uso non sedativo di pensiero, azione e piacere! Ché non è mica un caso se nelle Sturmtruppen la televisione era "l'arma finale del doktor Goebbels"!


3) L'oro, viene venduto, l'oro, dico! L'unica cosa che non si svaluta mai e che dovremmo tenere sino all'ultimo - quando non avremo più soldi per comprare il pane! Quella cosa che P. E. Baracus portava al collo perché non si fidava delle banche - e c'è una ragione per cui pirati, zingari, e le popolazioni nomadi (come i berberi) hanno denti, collane e gioielli d'oro...

4) Infine farei notare che pirati, zingari e nomadi in generale non girano con televisioni sulle spalle, ma carichi leggeri, e al limite strumenti musicali ed enciclopedica memoria cui attingere per intrattenersi in compagniaintorno al fuoco con usiche, canti, danze e soprattutto storie - orali (e non visive), in continuità (e non frammentate a mò di zapping) e di persona (e non a distanza né virtuali).

Ecco, io Pozzetto lo stimavo ben di più quando in teatro interpretava questo in una Milano d'antan che non era neanche ancora quella 'da bere'!


5 commenti:

Granduca di Moletania ha detto...

Visto lo spot di Pozzetto questa mattina e anch'io sono rimasto senza parole per le stupidaggini che diceva.
Un minuto dopo è arrivato Abatuntuono che mangiava prosciutto, poi vestito da orso cercava di farmi rilassare e infine mi spiegava come è bello comprare una Fiat.
Ma fare spettacoli invece di sparare tutte ste cazzate?

Poi per il povero Pozzetto ci si mette pure la Lega a non contare più una beata fava e quindi il suo lavoro .........


gattonero ha detto...

Bel post, incazzato il giusto.
Leggendolo mi è venuto un pensiero granguignolesco: c'è gente, molta, che oro non ne ha, e case non ne ha, e ha bisogno assoluto di soldi... A quando uno spot per la donazione degli organi a pagamento?
Magari quei soldi dovrebbero servire per curare una persona cara, e tornerebbero direttamente o indirettamente allo stesso specialista che procede all'espianto.
Altro che oro, o televisori, o autovetture...
Albertocaneblog ha postato la pubblicità di un'impresa di pompe funebri che offre sconti e dilazioni con la dicitura "non piangete due volte": l'ho definita cinica, roba da humor nero, inglese, il peggiore, ma anche questa non scherza.
E' vero, la gallina non è un animale intelligente; ma chi a suo tempo la cantava, prestandosi a questo spot dimostra di esserlo ancora meno.
Una gallina sulla via del tramonto, bene che le vada finisce in pentola; si dice che 'gallina vecchia fa buon brodo', e se da viva fosse o meno intelligente non se lo chiede nessuno.
Ciao, un abbraccissimo.

Gio ha detto...

La televisione e' tornata a parlare in casa mia solo perche' sto cercando di migliorare un po' l'inglese, e i sottotitoli di Poirot o vecchie serie della BBC aiutano.

Per fortuna, tornando in topic, che qui la televisione italiana non arriva ...

Sono d'accordo in toto con te.

Ciao!

Minerva ha detto...

@Granduca: la tragedia sarebbe se fosse convinto che sta facendo uno sketch divertente!

@Gattonero: amen su tutta la linea del tuo commento. Ti allungo un bacio.

@Gio: ciao tesoro, concordo con te, utile per imparare un'altra lingua. Solo per quello, eh (e magari ogni tanto esci e vai al cinema, o ad ascolta un concerto in qualche locale...)? Un bacio anche a te :-)

Gio ha detto...

Ho voluto cercare su youtube lo spot incriminato - finendo per trovarne due.

E' assurdo, ma rincuorano i commenti salaci all'indecenza, condita poi con un tentativo - patetico - di rifarsi alla comicita' che ha reso celebre Pozzetto.

Ciao! :-)