31/08/13

La vita è un gioco a somma diversa da zero

http://31.media.tumblr.com/3cebd87cc618e14966481b27c6c1fde4/tumblr_mpdzt3inhD1r0tytoo1_500.jpg





Lo stesso dicasi dei rapporti di coppia - così troppo disperatamente caratterizzati dal dominio (a volte silenzioso e invisibile) dell'uno/a sull'altro/a o dalla competizione con la meta della vittoria. Ché la sottoscritta è competitiva assai, ma perché bramosa di sapere, vivere, giocare al massimo ogni istante!


Perché è così difficile rendersi conto che la vita è un gioco a somma diversa da zero? Che si può vincere insieme non appena si smetta di essere ossessionati dall'idea di dover battere il partner per non esserne battuti? E che - cosa del tutto inconcepibile per lo scaltro giocatore a somma zero - si può perfino vivere in armonia con l'avversario decisivo, la vita?

Paul Watzlawick, Istruzioni per rendersi infelici, Feltrinelli
(libriccino appena riletto che consiglio appassionatamente perché ricchissimo di spunti, e stimolante le celluline cerebrali di coloro che amano giocare con la parola, la letteratura, la psicologia prendendosi solo per finta sul serio, e che quindi sono serissimi!)

2 commenti:

Cri ha detto...

L'ho scovato e comperato l'anno scorso, nel periodo buio della mia discesa nel pozzo; mi ha subito attirato sin dal titolo, dove ho sentito quella vena di umoristica saggezza che sapevo mi avrebbe salvato la vita e che non riuscivo più, per quanti sforzi facessi, a raccapezzare. L'ho letto in trance e non ne ricordo nulla, se non ho memorizzato a lettere di fuoco nella mente la magnifica frase che ne hai estrapolato. Grazie del suggerimento, me lo rileggerò :) :*

Minerva ha detto...

Letto in viaggio, io, invece, e poi regalato ad amico a Barcellona che sicuramente apprezzerà.
Dovrei fare più continuativamente questa cosa di prendere cose in giro e regalarle man mano che mi muovo...
Mi piacciono i flussi di buone ispirazioni :-)