16/06/13

E noi continuavamo a danzare (anche se c'era la guerra)




Continuavamo a cliccare 'mi piace' su stupidi status
Continuavamo a postare foto dei nostri bambini - quelli avuti senza pensare e senza curarci del loro domani
Condividevamo virtualmente video, musiche, poesie, cuoricini e sorrisi
Passavamo ogni sera al bar - sprecando il tempo delle nostre vite in chiacchiere insulse sul più e sul meno, approfittandone per lamentarci
Ridimensionavamo i nostri sogni, auspicando la sopravvivenza e cercando mortificanti alternative bucoliche alla violenza che subivamo quotidianamente
Pur di sopravvivere - in qualche modo.

E là fuori c'era la guerra, che arrivava con corrispondenze su media laterali
E ci sentivamo buoni a cliccare su 'condividi - ci sembrava l'unica cosa che ormai potessimo fare
Perché la violenza era troppa - troppo continua, troppo articolata
Ci circondava completamente - la polizia armata e i governi di stati ormai totalitari contro i cittadini inermi
Gli uomini contro le donne, gli autoctoni contro i migranti, i fanatici religiosi contro i laici
E bloccava ogni possibile via d'uscita.

E noi continuavamo a danzare - con le nostre menti, i nostri cuori, i nostri corpi esausti.
Muovevamo un passo dopo l'altro sempre più lentamente, senza più alcuna vitalità
Senza neanche più sapere perché continuassimo a farlo.
E poi cadevamo come mosche - uno dopo l'altro.
Ci avevano illuso che contassimo qualcosa - e noi vi avevamo creduto,
Vi avevamo creduto così in buona fede da diventare complici della nostra stessa distruzione.

Nessun commento: