18/10/11

Microstorie illustrate (inclusa, in fondo, la mia)

"Credo che ci sia davvero qualcosa di magico nella realtà
e nella quotidianità di tutti i giorni
che vale la pena non distrarsi
e allenare la sensibilità per cercare di percepirlo."
[Riccardo Guasco, fumettista, illustratore e pittore]


Andrea Maggiolo cura da tempo un progetto, dal nome Micronarrativa, nel quale racconta vite di singoli personaggi nell'arco delle 140 battute concesse su twitter. Riccardo Guasco - già disegnatore della serie 106 | Barrì Gotic - ne rimane incantato e prova a illustrarle.
Questo il primo risultato: semplice, profondo e per me decisamente ispirante - ché mi fa venire voglia di aprire gli occhi, ascoltare e lasciarmi sedurre dalle persone e dalla vita (*).



(*) E no, Minerva non è un'allegra superficialotta che non ha ben presente la situazione politica, sociale ed economica in corso - anzi, ne fa ben le spese! Però di contro a chi urla, parla dei limiti della non-violenza, inneggia a rivoluzioni di piazza ecc., lei è giunta alla convinzione che, in questo momento, fare la propria parte - che nel suo caso significa stare bene pur nella propria (apparente) miseria, trovare i modi per essere pacificati, indipendenti, sereni, non supini alla propaganda, alla depressione e a modelli fasulli di felicità personale basati sull'acquisto compulsivo dettato dal mercato - può già essere 'rivoluzionario'. Ed è questo che, ancora una volta, lei promuove qui e nel sistema di persone-in-relazione di cui fa parte - agendo come se il mondo futuro che lei vorrebbe fosse già qui e ora, e lasciandosi ispirare dalla bellezza, dall'umanità e dalla libertà ;-)


9 commenti:

Rouge ha detto...

:-)

patèd'animo ha detto...

Sono molto belli. Appoggio il tuo stile di vita; oggi come oggi aprire occhi, cuore e mente è la vera rivoluzione.

ganfione ha detto...

"[...] agendo come se il mondo futuro che lei vorrebbe fosse già qui e ora, e lasciandosi ispirare dalla bellezza, dall'umanità e dalla libertà". amen, sorella.

Minerva Jones ha detto...

@Rouge: ;-) [e continua a battere le dita sulla tastiera, tu!, te ne prego)

@patèd'animo: già, non ho la verità in tasca, ma potrebbe essere così. Un abbraccio, mia cara!

@ganfione: amen, fratello ;-)

Ginevra ha detto...

Connubio splendido!
Il futuro è già presente: lo è negli occhi e nelle anime di chi sa apprezzare le movenze di questa meravigliosa esistenza, prescindendo da clamori e copertine patinate, di chi "fa la propria parte", di chi la vive appieno facendone un'esperienza unica; sono proprio gli Enea, gli Eros e le Maria a dare consistenza e pregnanza a questa società alla deriva; sì, per noi, che costruiamo la nostra identità ed i nostri bisogni partendo e rimanendo in noi stessi, al di fuori dalle sollecitazioni consumistiche che ci vorrebbero rendere soldatini tutti uguali ed impersonali, il tuo futuro è già presente.

Minerva Jones ha detto...

Quando ho visto questo lavoro di questi due ragazzi, ho pensato che quello devo imparare: a togliere e ripulire. Rendere essenziale. Meravigliosi, e incontrati proprio al momento giusto! :-)

Ubi Minor ha detto...

disegni bellissimi, intenti gloriosi :)

ah, siamo partiti, nel nostro piccolo, ma siamo partiti, eh!

http://16ottobre.wordpress.com/

Minerva Jones ha detto...

@Ubi Minor: ho visto, ho visto! :-) hai fatto benissimo a segnalarlo anche qui: in bocca al lupo - e intanto vi seguo! :-)

Humani Instrumenta Victus ha detto...

Applausi :-)