16/09/11

Memoria olfattiva, benessere e una semplice acqua di colonia

Ero piccola, al mare. Mio nonno comperava grandi confezioni di una colonia freschissima francese allora molto diffusa in Italia, e per me e mia nonna ogni occasione era buona per spandere quel profumo agrumato in giro: dal profumarci dopo la doccia al ritorno dalla spiaggia e prima di sederci a pranzo, al lasciar cadere qualche goccia sui fazzoletti di cotone che mettevamo nelle rispettive borsette, all'impregnarne microcuscini che mia nonna cuciva a mano e che infilavamo poi nei cassetti per profumare la biancheria, per infine - quando rimaneva solo poco liquido nella bottiglia - riempire la stessa di sale grosso da cucina quindi usarlo per fare il bagno.

Poche settimane fa, nel solito supermercato di periferia di una qualunque cittadina francese, mentre cercavo altro nel reparto cosmetici, mi son imbattuta in queste bottiglie verdi trasparenti. Che piacere ritrovarne il profumo! Che sensazione di... casa. Non provate anche voi sensazione di casa, di appartenenza, e il ricordo del passato, di colpo, a causa di un profumo o un odore? Quanto è intensa la memoria olfattiva, vero? :-)
Mi ripropongo un viaggio negli odori e nei profumi, che ne ho davvero tantissimi in mente che mi smuovono il cuore e ancora mi danno sensazioni di tranquillità, serenità, pace.
Ho cominciato per caso proprio con una colonia il cui nome è la traduzione francese di "benessere". Ma nulla accade per caso, vero?
Buona giornata a tutti voi, e buon weekend - che abbia ancora il profumo dell'estate! :-)

Nessun commento: