24/01/11

Il prisma sensoriale

La condizione umana è corporea. Modalità attraverso la quale entriamo in scena sul palco dell’esistenza, limite (spaziale e temporale) della nostra vita, e infine porta di accesso all’esterno, il corpo è lo strumento attraverso il quale percepiamo il mondo. Il mondo si dà parimenti sotto la forma del sensibile, così che non vi è nulla nella mente che non sia passato attraverso i sensi.

Vedere, udire, assaporare, toccare, sentire il mondo significa sempre pensarlo attraverso il prisma di un organo sensoriale. Ma la ricezione sensoriale non è passiva e identica in ciascuno individuo: essa è intrisa dei significati (il simbolico) che nel corso del tempo la nostra mente ha già intessuto con (= legato a) precedenti percezioni simili.

Ad ogni istante, l’individuo interpreta l’ambiente che lo circonda attraverso il suo corpo, e in base agli orientamenti interiorizzati dall’educazione, dall’abitudine, da precedenti riflessioni basate sull’interpretazione data in precedenza di quelle che potrebbero apparire come ‘evidenze’, ma che in realtà sono interpretazioni basate sull’esperienza. Quindi non è il reale che gli uomini percepiscono, ma già un mondo di significati. 

La percezione è un’appropriazione simbolica del mondo, una decifrazione che situa l’uomo in una posizione di comprensione nei suoi confronti. Pertanto il senso non è contenuto nelle cose, ma si instaura nel rapporto dell’uomo con esse e nel dibattito avviato con gli altri – interpreti soggettivi e individuali a loro volta del mondo secondo un processo analogo.

7 commenti:

Venerdi Sushi ha detto...

La percezione è un’appropriazione simbolica del mondo...
questa te la rubo eh!
(mentaccia abitatissima)

Minerva ha detto...

A onor del vero, questa è una frase che si trova spesso nei libri di psicologia/antropologia/filosofia che parlano della corporeità. In questo caso sintetizza bene il concetto dipanato in tutto il post :-)

Venerdi Sushi ha detto...

Ma và?
non mi ero accorto che fosse la perfetta sintesi ;)

Inneres Auge ha detto...

"IL mio corpo che cambia nella forma e nel colore"

Minerva ha detto...

I miei lettori sono degli amabili animali furbetti ;-)

Inneres Auge ha detto...

Soprattutto animali

Minerva ha detto...

@ Inneres Auge: questo post è solo il primo sull'argomento, la mia intenzione è esplorare piano piano tutti i nostri sensi e di volta in volta ho ben piacere che se ne parli insieme e se ne condividano le sensazioni :-)