04/11/11

Dal FemBlog Camp -> report, post-porno e accorate esortazioni!

Duecento donne (dicono le organizzatrici Femminismo a Sud e Sguardi sui Generis), ma che fossero donne o uomini alla fine non aveva più alcuna importanza nell'invito alla partecipazione al FemBlog Camp rivolto a chiunque, qualsiasi genere si sentisse d'essere e/o di voler vivere, ché sono state la condizione di sottomissione, assenza di potere, emarginazione e riduzione al silenzio in quanto altro/a/i/e rispetto al 'sistema patriarcale' le variabili alla base dell'incontro nel quale laboratori di autoformazione e momenti conviviali hanno permesso di approfondire meglio contenuti e strategie per opporsi a un sistema castrante le nostre possibilità d'espressione e di vita.

Minerva da vent'anni partecipa a iniziative del genere, e tutte queste occasioni sono sempre state felici. In questa ha avuto la possibilità di incontrare molte/i che ancora non conosceva e che ha visto condividere in larga misura quella che è la sua prospettiva sulla questione. Faccio mio il manifesto delle donne metafemminili, delle XXD (una rivista che vi consiglio caldamente proprio perché ben oltre - 'meta' appunto - rispetto alla solita tiritera della 'differenza di genere' da femminismo della prima ondata cui riconosco alcuni meriti ma soprattutto moltissimi limiti) - che sento particolarmente caro perché tanto potenzialmente manifesto dell'umanità liberata in tutte le possibili variabili(tà) di genere/i e quindi vedermi ancora più d'accordo.

Sulla scia di questo, tra i vari workshop che davvero meritavano tutti e quindi appunto in assenza di ubiquità ci si è dovuti accontentare con rammarico di saltare dall'uno all'altro, appassionante è stata la presentazione di Slavina sul post-porno - in cui mi sono pienamente riconosciuta nei contenuti che propongo a voi in questo blog, sebbene meno con le pratiche e strategie che lei propone, ma che mi vedono ben interessata e curiosa di parteciparvi/promuoverle in futuro.
Slavina ha tra l'altro invitato le presenti a salire sul palco con lei la sera di sabato nel ruolo di King Kong Bloggers per una performance ferocemente femminista e la sottoscritta, insieme ad altre (tra le quali alcune linkate nel suddetto widget), c'è stata leggendo alcune righe dal post Sono masochista - quelle che avevano senso rispetto al contesto e di questo ringrazio l'editing e il confronto con Ornella delle XXD e Alessandra di pietro (su quest'ultima scriverò a breve, dal momento che ha pubblicato un libro dal titolo Godete!, volete mica che Minerva se lo perda?).

Il post-porno, che davvero ha moltissimo a che fare con la mia visione dell'eros - ovvero come modalità del sentire e dell'agire che reca in sé anche la liberazione dell'umanità dalla coercizione di poteri disumanizzanti - mi spinge ad aprire un piccolo widget a lato per darvi qualche indicazione introduttiva: dopo di che, amatevi, siatevi complici e sperimentate con tenerezza tutto ciò che vi può dare felicità e piacere senza paura e senza preoccuparvi di 'ciò che la gente può dire'! :-)

Infine ho imparato un po' di più sull'uso delle tecnologie virtuali e sugli inghippi della rete, così mi sono lanciata - e adesso oltre a facebook e blog vari twitto anch'io! Certo, a voi sembrerà una stupidaggine, ma per me quel sistema è osceno (e non nel senso post-porno) quindi lo guardavo sempre con sospetto e inquietudine - non che ora sia così sveglia come vorrei, e naturalmente nella mia miseria non posso permettermi cellulari che dialoghino con tutto, ma è un pezzo in più dell'essere presenti in rete con una certa visibilità, operando il disturbo necessario in questo momento storico e politico per cambiare le cose così come vorremmo.

Ecco, forse non sarò in sintonia con tutto ciò che è stato detto, né con le strategie con le quali ci siamo lasciate o che si stanno discutendo nella lista di discussione creatasi in seguito al camp. Ma sono stata contentissima di parteciparvi per tutti i suddetti motivi, e perché due elementi del mio essere anarchica hanno avuto nuova conferma in questi tre giorni: la celebrazione dell'essere umano anche oltre la reazione al dominio patriarcale - ovvero tutti i generi riconosciuti, ammessi, rispettati e celebrati - così come l'autodeterminazione e l'esercizio del potere senza deleghe. Come ha detto anche Enza di Malafemmina, "prendiamoci lo spazio, parliamo, apriamo blog, stiamo in rete, siamo presenti" nonostante l'ignorarci da parte dei media ufficiali e del mondo della politica.

Ecco, a questo esorto ancora una volta pure voi, miei cari: prendetevi lo spazio e parlate, siate presenti e agite, non mollate un centimetro del terreno conquistato per esprimervi.
Ne va delle nostre vite.


Per una rassegna completa sul FemBlog Camp, seguite questo -> #femblogcamp: il più grande spettacolo dopo il big bang!
Quello che ho letto con più piacere (e ne attendo con ansia la seconda parte) è questo di -> Elisatron


9 commenti:

Cirano ha detto...

dico...attenzione che la creatura non divori il creatore, ovvero che la rete non cancelli il desiderio delle relazioni umane!!

Minerva Jones ha detto...

Questo mai, mio caro, ed è stata una delle bellissime componenti del camp quella di conoscerci di persona e passare insieme tre giorni!!!
E sai, non sarebbe male fare anche un incontro di blogger 'dissidenti' che si commentano da tempo reciprocamente, si rincorrono nei medesimi blog e infine nei propri amplificano ed espandono parole che risuonano così simili. Quanto mi piacerebbe, sai?...

vulnera ha detto...

ciao carissima, ho ritrovato un mio vecchio blog su questa piattaforma in cui mi chiamavo 'editor killer' :-D abbandonato come tutti i miei blog. Malgrado io fossi al Feminist Blog Camp non sono brava come te ad avere la costanza di arricchire la rete come fai tu come Minerva Jones. Grazie del commento alla foto della lettura del manifesto :-)
Ma quando passi da Milano la prossima volta? Qui non ci sono osterie con chitarre con avventori che sembrano usciti dai cassetti del tempo, purtoppo, ma se ti accontenti di un circolo anarchico che porta il nome della nebbia che qui sale dai fossi... non vedo l'ora di passare del bel tempo insieme :-)

Minerva Jones ha detto...

Anche io non vedo l'ora di ritrovarti/vi, sono stata davvero bene con voi, e queste serate di sapore retrò mi piacciono un sacco :-) Ho qui il tuo numero e la tua email mentre sto scrivendo, dammi un attimo che sono in pieno turbinio di troppe cose e ti mando anche i link che avevamo detto ;-)

[PS, sto spulciandomi XXD, post/articoli qui e là, ma quant'è bella? accidentaccio, rischiate che in futuro vi preghi di farmi scrivere per voi! :-))) ]

Cawarfidae ha detto...

una mia amica c'è stata e le è piaciuto molto! adesso esigo la versione virile! :P basta parlare di quanto siano fallico-compensativi i nostri blog! Revolucion!

Minerva Jones ha detto...

Mio caro, hai solo da seguire Maschile plurale - un covo di ometti ragionanti che a noi donne appassionate e brillanti (qual modestia!) piace tanto, proprio perché non legati al machismo né all'esibizione urlata della propria virilità (cosa, questa, che è sempre un po' sospetta...) e che anzi non ha paura di mettersi in gioco anche confrontandosi con gay, mondo queer ecc. ;-)

Cawarfidae ha detto...

non male questo... Approfondirò!!

elisatron ha detto...

superminerva, felice di saperti cinguettante su twitter. the revolution will be twittered! :D
son felice tu abbia apprezzato il mio report... ora arriverà la seconda parte. è che ci ho messo tipo 2 giorni per scriverla, sono lenta e puntigliosa, una fregatura che va a scapito dell'immediatezza...
io attendo un post col tuo testo del reading, che è stato bellissimo. bello ritrovarsi in rete, w le kingkong bloggerz! :****

Minerva Jones ha detto...

Elisatron, tesoro!, sì, ho apprezzato moltissimo il tuo testo perché... c'è dentro tutto, riflessività, pensieri sparsi, entusiasmo, e tutto ciò in meravigliosa dolcezza e armonia. E sì: attendo con curiosità la seconda parte, proprio per il piacere di farmi trasportare e lasciare i miei pensieri incrociarsi coi tuoi :-)

Il mio testo... è già stato pubblicato in un post moooolto tempo fa, ed era leggermente diverso, nel finale prendeva una piega che m'hanno fatto notare essere più idonea al ladyfest che a questo femcamp, quindi nel nostro contesto l'ho ridotto. Ma l'ho già passato a Slavina, vediamo che ne farà...
tanto, tanto desiderio di buttarmi con voi in nuove appassionanti, dense, intense avventure: w le kingkong bloggerz, e buona vita a te!!! :-)