27/07/11

Erotismo è quando l'immaginazione fa l'amore con il corpo

Ieri sera discutevo con un amico del desiderio fisico che io - donna decisamente etero vuoi perché curiosissima dell'universo maschile, vuoi perché attratta dal corpo, dalle mani, dall'odore degli uomini - provo nei confronti di un'attrice che almeno in un paio di film mi fa trasalire.
Il mio amico è il medesimo che dice che da qualche anno è come se portassi addosso un cartello con su scritto "sto bene, sono indipendente, felice, serena, vivo la vita con passione" e che questa immagine che dò rappresenta una ragione d'attrazione fortissima per chiunque. Come Alda Merini che di sé diceva "Non sono bella, sono soltanto erotica"? (e lo era, oh quanto lo era!). Speriamo! :-)

Che dite: la sensualità, l'attrazione, il provocare una tal pulsione nel sesso maschile può passare anche attraverso qualcosa di così semplice come un messaggio involontario del genere da parte di una donna?
Tutto ciò non è comunque che una piccola scusa per condividere con voi parole e immagini che, almeno virtualmente, ci diano un piccolo brivido e ci portino un po' di desiderio, e quindi di energia, in questa giornata.

[Ah, chi è l'attrice? In fondo agli aforismi le due clip cui mi riferisco. Buona visione anche a voi ;-) ]


Non posso farmi santa perché ho sempre in mano l'arma del desiderio.
Alda Merini

Erotismo è quando l'immaginazione fa l'amore con il corpo.
Emmanuel Dongala

L'erotismo è una delle basi di conoscenza di sé, tanto indispensabile quanto la poesia.
Anaïs Nin

L'erotismo è dare al corpo le suggestioni della mente.
Georges Perros
 



17 commenti:

ganfione ha detto...

ah bè, salma hayek. no, dico, salma hayek. cioè questa qui: http://www.youtube.com/watch?v=RdyFAdG8EWU

Minerva Jones ha detto...

Sì, ok, però vuoi mettere l'erotismo delle due clip che ho indicato io? Non è solo lei - per me - penso proprio sia la lentezza, la rarefazione, la gestualità, la musica molto sensuale e con ritmi marcati, in quelle, che mi hanno stregata. Lei ha un gran corpo e un bellissimo viso, per me, ma appunto è questo all'interno di un contesto che ha gli elementi che ho indicato che eccita anche me ;-)

Blog Surfer ha detto...

io mi sto convincendo che l'ideale sarebbe che fossimo tutti bisex ... ma la Societa' ce lo vieta...

PS:alla Hayek qualche volta un pensierino l'ho fatto pure io ...;)))

Minerva Jones ha detto...

La società non ci vieta proprio nulla! Intanto già non è illegale essere omo, bi, tri e qualsivoglia "sex", e - qualora anche fosse - sarebbe una questione sulla quale decisamente combattere per vedersi riconosciuto il diritto a essere tutto ciò che si desidera. Se ti riferisci invece alla questione in termini 'comportamentali' (ciò che la società dice, l'ostracismo, la violenza verso chi non si adegua alla massa ecc.) guarda che sta solo a noi cambiarla la società e sinceramente io - se voglio una cosa e per ottenerla non derubo nessuno - me la prendo con un gigante "chissenefrega" per gli stupidi moralisti sessuofobi illiberali fascisti del caso :-D
Anzi, perorerei la causa della loro estinzione!

Blog Surfer ha detto...

io la penso come te ma, fin da piccoli, nessuno (leggi famiglia, scuola, religione, politica) ci spiega che il sesso puoi praticarlo in molte "maniere" ...

Minerva Jones ha detto...

Eheh, per questo l'affermazione "sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" è sempre d'attualità ed è una delle mie personali leggi interiori ;-)
Sii allora uno di quelli che, come me, lo spiega e ne parla in termini di consensualità, rispetto, e anche 'amore', forse (almeno per quanto mi riguarda, ché io senza qualcosa che sia in qualche modo 'amore' non riuscirei a farlo).

Gio ha detto...

"... il prodigio sorprendente nel quale ravviso ben più uno sconfinamento dello spirito nella carne che un mero divertimento di quest'ultima ..."

M. Yourcenar, dell'amore, tratto dalle Memorie di Adriano.

E poi dimmi tu come potrei non amarla.

GIO...ILLUSION ha detto...

C'e' energia nell'aria...bello.

Io non accennerei al sesso quando si parla di qualcosa di enormemente più profondo e difficilmente trovabile.

Sesso ed Eros sono legati ma non indistinti, viaggiano assieme perchè uno puo' sostenere l'altro, ma accade spesso , e quando accade ci si puo' ritenere fortunati, di essere attratti , ammaliati , sedotti dall'eros che emana una persona ma non per questo immaginare di farci del sesso.

Allo stesso modo succede di voler far sesso con donne o uomini assolutamente privi di erotismo, qualcuno dice che "scatta la chimica" o più volgarmente "attrazione fisica"

L'eros di distingue e ci fa esseri umani, l'eros è umano piu' d'ogni altro sentimento, perchè è forse una delle poche cose che nessuno puo' insegnarti, al contrario appunto del sesso.

Minerva Jones ha detto...

@Gio: capisco bene il tuo profondo amore per la Yourcenar (e anche il post che le hai dedicato ieri era bellissimo: man mano che lo leggevo provavo un piacere, una commozione, una sensazione di bellezza così profonda nelle parole che venivano fuori dal tuo cuore!)

@GIO...ILLUSION: Sono d'accordo con tutto ciò che hai scritto. Mi capita di frequente di percepire situazioni come 'erotiche' pur senza immaginare di viverne come ineluttabile conseguenza il sesso con chi ne è protagonista. E' proprio più una sintesi di energia, magia, rarefazione, tensione...
Quella dimensione invece di chimica/attrazione sessuale e basta... mah, no, grazie - poi finisce sempre che mi risveglio triste e vuota - anche se quando sarò vecchia dovessi magari rammaricarmi di non aver fatto tanto sesso nella vita (e poi comunque non mi sono ancora stufata dell'autoerotismo che, per come lo vivo io, è proprio tale e non una qualche triste 'auto-sessualità' o 'auto-attrazione-chimica', eheh!)

AlmaCattleya ha detto...

Credo che l'erotismo possa passare anche attraverso un gesto, uno sguardo, un qualcosa di così sottile che è appena impercettibile.
L'immaginazione è una costante fondamentale per l'erotismo soprattutto l'immagine che hai di te stesso perché sarà proprio quella a essere trasmessa agli alti.

P.S.: Sono una tua nuova follower. Mi fa piacere vedere un blog così.

Minerva Jones ha detto...

Ciao, AlmaCattleya, e benvenuta :-)

Sì, l'immagine che uno ha di sé e il modo in cui esprime questa - e quindi in qualche modo un 'personaggio' che può anche appunto non essere una finzione, ma aderire alla persona che lo sta esprimendo - può essere ciò che determina l'incontro con l'interesse altrui e quindi 'sedurlo'. Però a questo ci sono arrivata da poco ascoltando molto gli altri e l'immagine che loro hanno di me: non sempre le due cose coincidono, ma è una scoperta curiosa questo confronto tra l'auto- e l'eteropercezione.

P.S.: Grazie per ciò che hai detto del mio blog, spero di continuare a non deluderti :-) Appena ho il tempo 'giusto' da dedicare loro - ovvero non di fretta - mi faccio un giro sui tuoi. A presto.

diegod56 ha detto...

personalmente ho l’impressione che scrivere, raccontare, de-scrivere l’erotismo sia molto difficile

molto difficile non cadere da un lato in una forma di eroscopia fredda e scientifica, oppure dall’altro in una goffa rappresentazione imitativa del gesto erotico nella parola scritta

no, per me è erotica ogni parola scritta molto bene, ma non deve essere l’erotismo l’argomento, perchè ogni parola è sempre morta, è sempre tragiamente «dopo»

ESSE ha detto...

L'erotismo è qualcosa di travolgente, ma nasce in maniera talmente sottile che, come ipotizzi anche tu, può veramente derivare dalla più banale delle azioni, da uno sguardo anche involontario. Tuttavia sono del parere che, come un comune talento, ci sia chi è più "predisposto" e riesce a giocarci, ad utilizzarlo, e chi invece, per quanto si impegni, non arriverà mai ai livelli di chi ne trasuda naturalmente.
Un dono..? :)

Minerva Jones ha detto...

@diegod56: "non deve essere l’erotismo l’argomento, perchè ogni parola è sempre morta, è sempre tragicamente «dopo»", pienamente d'accordo con te, e infatti scriverne non è semplice. Ogni tanto scrivo qualche post come questo con qualche pensiero en passant, ma le riflessioni erotiche vere e proprie, e ancora di più i racconti, richiedono un impegno decisamente intenso: quando scrivo, infatti, devo essere la prima che ne prova piacere, e certo è più facile buttare giù raccontini simil-filmetto-porno, ma certo io non me la godrei per nulla! :-)

@ESSE: magari c'è chi ha questo 'dono', così come chi usa 'strategie' collaudate, chi come me ha acquistato serenità/sicurezza nel tempo e da questa forse una qualche attrattiva, e anche chi corrisponde al racconto di Marilyn a Tony Curtis in A qualcuno piace caldo se non erro (un uomo che sta appiccicato alle pareti, che suda, imbarazzato dalla situazione, ma che per la ragazza in ballo magari è quello più affascinante tra i presenti).
Forse l'eros è davvero, come qualsiasi altra qualità umana, sintesi tra percezioni reciproche e individuali uniche, per cui alla fine cosa è erotico e cosa no è nuovamente interpretazione estremamente soggettiva...
Per esempio, a me date un uomo con i denti irregolari, e già lo guarderò con una sguardo un po' concupiscente ;-D

ESSE ha detto...

Interpretazione estremamente soggettiva... non posso che darti ragione, completamente. Spesso particolari che altre persone nemmeno notano, per noi sono quanto di più sensuale ed erotico esista.
Ahah! Il tuo esempio calza a pennello! :) A me accade la medesima cosa con i nasi un po' importanti.

Marco B. ha detto...

Non vorrei che, seppur affrancandosi dal puro stimolo fisico, certo erotismo non sia altro che suggerire non "contenuti della mente", cioè parti accattivanti di una personalità, di un individuo, ma semplicemente altri, futuri, impliciti, stimoli fisici. A quel punto sarebbe solo forza dell'attesa, dell'immaginazione, sì, ma non della comunicazione e la mente non avrebbe che...i contenuti del corpo.

Minerva Jones ha detto...

@ Marco B.: Concordo. E l'eros - per come lo intendo io - è molto di più che (aspettativa nei) contenuti del corpo. Diciamo che se le premesse di cui sopra si uniscono a comunicazione e complicità siamo ai livelli cui ambisco :-)