17/12/14

A compartimenti stagni



Dev'essere potente
avere le energie e la voglia
distribuite nel corpo,
un po' meno nella mente,
ancora meno nel cuore,
e vedere che il primo s'attiva
con poca sollecitazione degli altri
o anche senza, nei casi migliori.

Dev'essere piacevole
di qui farsi scopate-di-passaggio
e godere d'orgasmi
che accedi all'assoluto
ti unisci all'universo
annullando lo scorrere del tempo.
No, questo no - troppo, senza mente e cuore.

“ti unisci all'universo
annullando lo scorrere del tempo”
lo cancelliamo e andiamo avanti.
Non amare, ma voler bene,
un po', e attaccare e staccare
pensieri e sentimenti a comando
per scopare, e poi tornare a casa.

Vorrei una droga potente,
vorrei una droga innocua
negli effetti collaterali
che mi attivasse la pelle e la figa
senza bisogno della mente
anzi sedasse questa,
e atrofizzasse il cuore
- lasciandolo giusto lì a pompare.

Mi manterrebbe in vita
mentre mi lecchi il clitoride,
e non sarebbero invidioso
della felicità del mio corpo
tanto da annullarla
o dandogliene una tal miseria
da celebrare il trionfo il giorno dopo
con scrosci di lacrime come uno sciacquone.



Grazie a Slavina, attraverso la quale m'hanno raggiunto le parole "infilami le dita fin dentro al cuore e scoprirai che non batte" di Diana Pornoterrorista.
 

1 commento:

Luca Massaro ha detto...

Bella.
Beati coloro che avranno la fortuna di ascoltarla ad altavoce (e se la leggerai su qualche media, sei pregata di segnalarlo, grazie)