24/11/12

Darwin aveva ragione, ma noi l'abbiamo frainteso

Oggi ricorre l'anniversario della pubblicazione Sull'origine delle specie per mezzo della selezione naturale, di Charles Darwin - un libro fortemente frainteso, come anche è stato fatto nell'incipit di questo film, che pur illustra invece come si sarebbe dovuta comprendere tale teoria:





Ché Darwin non intendeva la sopravvivenza del 'migliore', quanto quella del più 'adatto' al proprio tempo e ambiente.
D'altronde, ogni giorno - non solo in ambito biologico, ma soprattutto in quello socioculturale - abbiamo la dimostrazione della correttezza della sua teoria, purtroppo, nevvero?



3 commenti:

Humani Instrumenta Victus ha detto...

Darwin ha avuto dei pessimi lettori, come Spencer e Haeckel, imperialisti di successo ai loro tempi e principali responsabili del suo fraintendimento. Oggi giustamente dimenticati, oppure ricordati giusto il tempo necessario per emettere una sonora scorreggia.

Cawarfidae ha detto...

Oh, l'amato Darwin! Come sai ho un debole per lui, lo tiro spessissimo in ballo su Cawarfidae. Ed è vero che sia stato frainteso, in più punti e in più modi. Come, del resto, con ogni pensiero "forte".

Zio Scriba ha detto...

Già: non trionfano i "migliori", ma i "più adatti"... Quindi nessuno stupore se in una società-letamaio trionfano gli stro***... :-))

Quanto invece al discorso di discendere dalle scimmie, io continuo a pensare che la triste verità stia esattamente all'opposto: l'uomo sta diventando una scimmia...